giovedì 29 giugno 2017

Review Party: Recensione di "La piccola casa dei ricordi perduti" di Helen Pollard



« E se brindassimo alle risate in faccia alle avversità… e all'amicizia inaspettata? »



È sempre una piacevole sorpresa rimanere travolti da una storia fin dalla prima pagina.
Questo è quello che è capitato a me con "La piccola casa dei ricordi perduti" di Helen Pollard, primo di una trilogia romance in uscita proprio oggi.

Ringrazio la Newton Compton per avermi dato la possibilità di leggere in anteprima questo romanzo.

I lettori inglesi già ne vanno pazzi, e a mio parere questa volta l'acclamazione va premiata.

La trentunenne Emmy è consapevole che la sua relazione con Nathan sta lentamente andando a pezzi; per questo organizza una vacanza per riallacciare il rapporto e ritrovare l'uomo di cui si era innamorata. Meta prescelta è la tranquilla pensione francese "La Cour des Roses".
Ma poco dopo il suo arrivo, la donna scopre il tradimento del compagno con la proprietaria dell'hotel, Gloria, ed è costretta ad osservare impotente la folle fuga dei due.

Presa dallo sconforto iniziale, Emmy non si sente di lasciare solo Rupert, marito di Gloria, e decide così di rimanere lì per aiutarlo con la gestione della struttura. I due allacciano uno stretto rapporto d'amicizia e complicità, che li porta a risollevarsi dalle rispettive disastrose relazioni.
Inizia inoltre a conoscere altri membri dello staff, tra cui la donna delle pulizie Madam Dupont, il commercialista Alain e l'affascinante e giovane giardiniere Ryan.

Non senza difficoltà, la donna troverà la forza di superare un evento negativo come la fine di una relazione, riappropriandosi della propria vita e riscoprendo l'apprezzamento per sé stessa indipendentemente dalla presenza di un uomo.

Molto più della conoscenza con Ryan, ho amato follemente il rapporto tra Emmy e Rupert: un'amicizia nata dalle sfortunate circostanze porta al sostegno e alla comprensione tra due persone fino al giorno prima perfette sconosciute, fino a giungere al riscatto di entrambi.

Il titolo e la trama, così com'è stata scritta, possono risultare fuorvianti, e far credere che l'atmosfera che si respira sia di tutt'altro punto: un po' frizzante, un po' divertente, nonostante si parta da un fatto negativo.
In realtà, la delicatezza con cui seguiamo Emmy fin dalla prima pagina, che ricorda molto la raffinata campagna francese, rimane costante dall'inizio alla fine in ogni vicenda che si sussegue.
Il suo coraggio dovrebbe essere da esempio per tutte le donne che credono di non farcela a superare un rifiuto, nonostante è da considerarsi che anche lei si senta insicura e commetta degli errori, prima di tornare sui propri passi. È umana, e ho apprezzato molto una caratterizzazione così realistica e plausibile.

Non ho potuto fare a meno di rispecchiarmi nella protagonista e comprendere lo sgomento di trovarsi accanto una persona di cui poteva fidarsi, ma che si è rivelata totalmente diversa. Ho compreso la rabbia, purtroppo persone aride, assurde e infantili come Nathan esistono davvero.

"Ritorno alla casa dei ricordi perduti" uscirà il 27 Luglio. Lo attendo con sorprendente emozione, sperando che il livello della storia vada in crescendo e non deluda le mie aspettative.

Consiglio questo romanzo veramente a tutti, potete acquistarlo sul sito dell'editore o al seguente link.


1 commenti:

Cristina Costanzo ha detto...

Ecco trovato il prossimo romanzo interessante!

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...