lunedì 12 giugno 2017

Review Party: Recensione di "Il bambino bugiardo" di S.K. Tremayne ( + GIVEAWAY )



« Anche quando ti stai divertendo con tuo figlio, non puoi fare a meno di pensare che avresti dovuto farlo di più in passato. Avere un figlio è come una rivoluzione industriale delle emozioni: all'improvviso produci in serie preoccupazione e senso di colpa. »


Dopo una settimana di pausa, non rimarrete di certo a digiuno di recensioni: già oggi e nei prossimi giorni, tante nuove ed interessanti letture!

Partiamo con una pubblicazione Garzanti che dà nome all'evento a cui partecipo: "Il bambino bugiardo" di S.K. Tremayne.
Non perdete la possibilità di partecipare al giveaway per vincere una copia cartacea del libro! A fine post, tutte le regole.

Lasciandosi alle spalle tutti gli ideali di vita, Rachel decide di trasferirsi nella lussuosa e antica casa a ovest della Cornovaglia appartenente al marito David.
Con loro, anche la madre e il figlio di lui: Jamie.

Si sente amata, felice. Anche da un bambino che biologicamente non è suo.

Ma andando oltre, sa che la famiglia Kerthen nasconde un velo di tristezza e dolore per la perdita di Nina, prima moglie di David. Jamie sembra soffrire ancora molto per la morte della madre, tanto da risultare inquietante agli occhi di Rachel: gli interminabili silenzi e le conversazioni in solitudine del bambino non possono essere del tutto normali. Eventi inspiegabili iniziano ad infestare la tenuta di Carnhallow e una premonizione del piccolo non può che tormentare e spingere la donna ad andare sempre più a fondo nella vicenda: A Natale sarai morta.

Lo scrittore è in grado di creare un'atmosfera tetra che si trasmette al lettore, regalandogli ore da brivido e adrenalina. Non si può non essere incuriositi dalla storia di Rachel, che seguiamo passo dopo passo fino alla verità. L'ambientazione fredda e gotica della Cornovaglia si sposa perfettamente con il genere; la tensione, data anche dal countdown segnato all'inizio di ogni capitolo, costringe chi legge ad andare avanti nonostante tutto. L'elemento centrale è il sovrannaturale: il suo ruolo nella storia rimane ambiguo fino alla fine, portando a delle convinzioni piuttosto che ad altre.

I personaggi, però, non sono particolarmente caratterizzati. Non ho potuto fare a meno di pensare che fossero lo stereotipo dei thriller, senza quella marcia in più che mi avrebbe fatto davvero apprezzare il libro.
Sicuramente, però, l'autore mi ha convinta a recuperare il suo romanzo d'esordio: "La gemella silenziosa".

Ringrazio infinitamente Garzanti per l'omaggio.

GIVEAWAY:

Leggete attentamente il regolamento per accaparrarvi la copia in palio, ricordatevi che avete tempo fino al 16 giugno:

1. Iscrizione a tutti i blog
2. Commentare e condividere almeno tre recensioni
3. Commentare l'evento facebook lasciando la mail per essere contattati in caso di vittoria.

Non dimenticatevi di inserire le informazioni richieste nel box sottostante:


a Rafflecopter giveaway


Grazie a chi parteciperà, fatemi sapere la vostra opinione in merito!



1 commenti:

Lara Milano ha detto...

Ciao Mad Otter! 😊 intanto complimenti per la scelta del nome del blog...molto originale, come originale è la recensione che hai scritto qui! 😉 Sei riuscita a dare quel tocco distaccato e allo stesso tempo coinvolto che mi piace: hai parlato del libro senza svelare troppo, lasciando ai lettori la giusta curiosità per quando avranno il libro tra le proprie mani! 😉 📖

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...