giovedì 25 febbraio 2016

Recensione: "Spada" di Alexander Tripood


« Non c'è abilità in te, non c'è talento. Non c'è morale! Non hai le forze per affrontare le conseguenze di ciò che hai fatto. Però riesci ogni volta a cavartela! Ma voglio dirti una cosa: nelle storie, per i personaggi come te non c'è mai un lieto fine! »


Provate ad immaginare come il passato possa influenzare il futuro nella struttura delle città, nelle industrie e nelle mode del momento. Aggiungete, quindi, un tocco fantasy, un pizzico di steampunk e cyberpunk ma soprattutto un eccentrico personaggio di strada.

Come risultato avrete "Spada", fortunata creazione di Alessandro La Monica (in arte Alexander Tripood) autoprodotta e presentata al Cartoomics 2015 ed ora pubblicata da Shockdom in una nuova veste e con un capitolo inedito.

Ci troviamo ad Anghywir, metropoli futuristica dalle tinte medievali. Qui la vita scorre frenetica ed il progresso è, come ben ipotizzabile, all'ordine del giorno.Watt Weland è un tranquillo ragazzo del borgo di Anghyburg, addetto alla manutenzione di droni-postino per la compagnia Knightzon. In un giorno di consegna si ritrova nel bel mezzo di una rapina, scontrandosi letteralmente con Spada Rodriguez: un apparente barbone trasandato che mette pianta stabile in casa sua. Ma chi è Rodriguez in realtà e cosa si cela dietro la sua assidua ricerca?

La prima cosa che salta all'occhio è sicuramente l'ambientazione della storia, non solo per le sue meccaniche, ma soprattutto per l'impatto visivo. Le tavole di Alexander, disegnate e colorate tutte rigorosamente ad acquerello, introducono il lettore in un mondo tanto affascinante e dall'aria antica quanto in lento degrado. I colori sono accesi e delicati al tempo stesso ed anche se il tratto non dà spazio ad ogni singolo dettaglio, ogni elemento ha la sua specifica caratterizzazione, dal borgo alla città ricca, dai vestiti semplici alle armature robotiche.
Difficile individuare chi tra Watt e Spada sia il personaggio predominante: viene presentato uno, poi l'altro; ognuno con la propria storia e i propri misteri ma entrambi si adattano vicendevolmente, creando un duo divertente e degno dei più famosi eroi dei fumetti.

La trama, infine, è originale e complessa, un prodotto che intrattiene il pubblico e ne stimola la curiosità a sapere come le vicende si svilupperanno nei prossimi capitoli.

Se fin da subito un autore riesce a coinvolgere il pubblico, ha buone possibilità di far parlare di sé e diffondere la propria arte.





venerdì 12 febbraio 2016

Recensione: "Mordraud" di Fabio Scalini


« Giuro sugli Dei, che possano crepare tutti in modo atroce, che io non morirò, né ora né mai. Non posso farlo. E, se anche un nemico riuscisse a ferirmi, allora... mi dimenticherò di dover morire. »

Esistono storie che catturano l'anima. La inglobano in sé e la colmano di emozioni che le rimarranno impresse a lungo. Questo è il caso di "Mordraud", una saga fantasy composta da quattro libri scritta da Fabio Scalini e pubblicata a partire dal 2012.

Nella mente di chi legge si fa strada un mondo innovativo, ma dai toni classici dei libri fantasy più conosciuti ed apprezzati, fatto di magia e popoli dalle origini differenti. Un mondo solo in apparenza rigoglioso, in realtà drammaticamente devastato. Ma c'è chi nella diversità riscopre i sentimenti, l'unione data dall'amore, i suoi frutti. 
Dunwich, Mordraud e Gwern, uniti dal sangue, divisi da una guerra le cui cause si sono perse nel tempo. Tra morti e passione, vivono i dolori e le gioie del quotidiano, inseguendo i propri desideri e vendette per ricongiungersi alla fine dell'individuale percorso di formazione (Qui il mio commento a caldo, piuttosto disagiato).

Il secondo libro dà una nuova ondata di emozioni, più variegate rispetto all'episodio antecedente, ma assolutamente non da meno. Se prima la trama è, tra gli alti e bassi, lineare e improntata verso un obiettivo preciso, ora la storia si espande e si sofferma tra micro e macro avvenimenti. Tra volti già visti, nuovi incontri e colpi di scena da mozzare il fiato, il lettore affronterà un nuovo viaggio alla ricerca di una misteriosa entità. All'orizzonte, la carcassa di Cambria che brucia, incapace di risorgere dalle proprie ceneri.

Lo scrittore non lascia mai nulla al caso, ogni scelta dei personaggi ha una motivazione solida, gli avvenimenti descritti sono sensati e gli ambienti creati affascinanti. Ogni elemento ha una propria crescita e soprattutto un'evoluzione psicologica che lascia spiazzato il lettore, ma invogliato ancor di più a continuare la lettura. Le strategie di guerra e le scene di battaglia sono descritte in maniera dettagliata e capace, senza complicazioni né confusione. Lo stile di scrittura cattura e mostra ogni scena in modo preciso e scorrevole; è presente qualche piccola sbavatura data da termini poco appropriati e fuori contesto, comunque risolvibili con un servizio di editing esterno. 

La fine del secondo libro lascia una nuova ma familiare sensazione di vuoto, che fa apprezzare maggiormente l'estenuante attesa per il seguito.

Fabio è tutt'ora per me fonte di grande ispirazione e determinazione. Non si è mai perso d'animo di fronte a tutte le difficoltà che ha incontrato in questi anni. Dai rifiuti e le porte sbattute in faccia è riuscito a trovare la forza per credere, ancora di più, nella sua creazione.

Così ha deciso di pubblicare gratuitamente sul suo sito l'ebook del primo libro, per raggiungere quanti più lettori possibile, anche chi a primo impatto non gli avrebbe dato possibilità. Chi l'ha letto non ha potuto fare a meno di apprezzare un'opera tanto valida.

Ha, inoltre, organizzato presentazioni e partecipato a fiere di indubbia importanza (Lucca Comics & Games, Comicon di San Diego), ha avuto consensi all'estero e ha realizzato con successo il progetto di un cortometraggio, girato a San Marino con l'abile ed esperta partecipazione della compagnia Fera Sancti.

Date poco conto ai pregiudizi sulle autopubblicazioni e fatevi conquistare da "Mordraud" (ripeto, l'ebook è gratuito, non avete scuse!) e dal grande talento di Fabio Scalini.


giovedì 4 febbraio 2016

Recensione: "Dov'è Alice?" di Stefania Siano



« Non ce l'avevo con te, ma con il mio coinquilino noioso e musone. Sai anche tu sei noiosetta e musona. Parlate tutti e due di razionalità, ma lo capite che la razionalità uccide la vita e la mente? »



"Dov'è Alice?"

Arianna è tormentata da questa domanda e dai ricordi dell'infanzia andati misteriosamente perduti. Si aggrappa solo a lei, alla sorellina di porcellana che suo padre le costruì anni addietro per farla sentire meno sola.

Alice è speciale, è una bambola vivente: mangia, pensa, ride e piange.

Il loro legame va ben oltre il rapporto giocattolo-padroncina, per questo Arianna è determinata a trovarla, attraversando su un Tartabus Città dei Sogni, in compagnia dei suoi due più cari amici.

Fino a che, un giorno, giunge in città un misterioso circo...


Stefania Siano è riuscita a tessere una deliziosa favola, con qualche rimando al classico di Carroll, che unisce l'innocenza fanciullesca a momenti cupi e tristi, quelli che vorremmo evitare ad ogni bambino, incapace di comprendere davvero ma con in mano le soluzioni più ovvie ai problemi.

Una nota di merito per Paola Siano, che è riuscita a conquistarmi al primo sguardo, con la sua semplice ma attraente copertina (e la meravigliosa illustrazione del Tartabus. Adorabile!). 

Il fascino legato a questa storia, è dato in particolar modo dall'ambientazione creata, un misto tra fantastico e futuristico. Tutto, qui, può accadere, ma la piccola Arianna dimostrerà una forte volontà e coraggio in mezzo alla Discarica dei Ricordi e nella Periferia Dormiveglia, in compagnia della Vecchia Sdentata e all'interno dello Zuccherificio, che chiede come compenso le risate previste durante la vita di un essere umano. 

Personalmente, è proprio questo luogo che mi ha maggiormente colpito; si può riassumere con questo breve dialogo:

"Per questo i clienti di prima erano così tristi?" chiede Leo.
"Sono affezionati" risponde un po' indignato il negoziante, offeso dalla considerazione.


Il finale è qualcosa di inaspettato; la conferma del talento di una scrittrice al suo debutto che non si è lasciata condizionare da ciò che la circonda: ha permesso che la sua immaginazione scorresse, attraverso le parole, e giungesse ai lettori facendoli tornare bambini.

Infatti, per quanto la storia sia ispirata ad Alice nel Paese delle Meraviglie, non si appoggia totalmente ai riferimenti, anzi: questi vengono disseminati come piccoli fiocchi di neve nel corso della lettura, rafforzando una base di per sé solida e funzionante, senza imporsi troppo né calpestandola.


Questo libro è una storia per tutti, che insegna a non smettere di sognare ed arrendersi totalmente alla realtà.



martedì 2 febbraio 2016

Recensione: "Angelize" di Aislinn


« Ma la voce di lei gli risuonava nella testa, divertita, mentre spiegava in che senso avrebbe restituito loro un corpo: incarnarsi non significa essere vivi.
Lei... la Signora.
Né angeli né uomini. »

Dimenticatevi dei soliti urban fantasy.

Dimenticatevi dei soliti angeli, ma senza snobbarli: potrebbero prendervi a calci per farvi comprendere cose che in realtà non vorreste nemmeno lontanamente sapere.


Gli angeli sono esseri invisibili, incapaci di provare emozioni, incapaci soffrire per il dolore della carne.
Sono esseri crudeli, ci uccidono per potersi reincarnare, mentre noi prendiamo il loro posto e la loro futile identità.

Questo è ciò che è accaduto ad Haniel, Hesediel e Rafael, i protagonisti di "Angelize", fantastica duologia scritta dall'acclamata blogger Aislinn.

"Angelizzati", ibridi. Condannati a vagare per la Terra in eterno, a meno che di compiere il gesto brutale di coloro di cui hanno dovuto prendere le sembianze.

A fronte di un Dio ormai inesistente, una Dea cambia le carte in tavola e permette loro di tornare corporei senza uccidere. Ma non avranno vita facile quando gli angeli "puri", che di puro non hanno più niente, scopriranno quanto successo e si metteranno sulle loro tracce per sterminarli.

Haniel e gli altri saranno di nuovo costretti a nascondersi tra i vicoli della meravigliosa e dannata Milano, chi cercando di proteggere il proprio passato, chi lottando a mani nude per sé stesso.

Aislinn porta in auge un argomento narrativo ricorrente in maniera accattivante e tingendo la sua scrittura con toni cupi e freddi, rendendo palpabile e verosimile l'ambientazione da lei creata. Per quanto in un certo senso la vicenda possa definirsi conclusa, l'epilogo lascia il lettore positivamente disorientato e curioso di sapere come la storia proseguirà.

Se volete leggere qualcosa di spietato e di angeli senza ali candide, questo è il libro appropriato. Niente zucchero, solo il sapore del sangue ferroso in bocca.



Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...