venerdì 23 giugno 2017

Recensione: "L'angelo custode" di Sara Neptune




« ...ho sempre creduto che l’omosessualità fosse uno dei peccati più gravi del mondo, che la punizione divina si sarebbe abbattuta su di me nel momento stesso in cui avessi lasciato la vita terrena. Invece, non so perché, Lui ha voluto darmi una seconda possibilità: mi ha dato il permesso di purificare il mio spirito, diventando l’angelo custode di una persona. Di quella persona. »


Il 30 Giugno sarà pubblicato il breve racconto di genere M/M di Sara Neptune: "L'angelo custode". Ringrazio l'autrice che mi ha dato l'occasione per leggerlo in anteprima.

Quando Josh muore è convinto di meritarsi l'inferno, ma Dio decide di farlo diventare un angelo custode per seguire la vita di Kevin, il suo fidanzato. 

Altro non penso di dover svelare, per non rovinare una lettura breve, ma coinvolgente.

Come è mio solito, non posso non consigliare ad un autore di considerare l'idea di creare un romanzo vero e proprio basato sui propri racconti. "L'angelo custode" si presta bene in tal senso, anche solo per approfondire di più la caratterizzazione dei personaggi che, ovviamente, qui sono descritti in modo molto essenziale. Nonostante questo, l'amore che lega i due ragazzi è visibile e le vicende che si susseguono fino al finale lasciano in tensione il lettore.

Lo stile di Sara è semplice ma un po' grezzo: la creatività non manca, il modo giusto per migliorare è sicuramente quello di continuare a scrivere.

Se volete acquistare questa storia moderna a tema omosessuale, cliccate su questo link


Review Party: Recensione di "Introspettiva" di Serena Bilanceri ( + GIVEAWAY )




« E mentre la notte ti stava a guardare, la tempesta più grande era dentro di te. »



Quello di oggi è un Review Party un po' particolare. Di poesie ne scrivo e ne leggo molte, ma ancora non mi era capitata l'occasione di consigliarvi qualche raccolta.

"Introspettiva" di Serena Bilanceri è il perfetto punto di partenza per chi vorrebbe approcciarsi al genere, una serie di 43 poesie volte a mettere a nudo la scrittrice. Gradualmente, il lettore è portato ad addentrarsi nella vita di una donna che non teme di svelare la sua forza, e nemmeno la sua debolezza. Partendo dalla zucca utilizzata come simbolo della nascita, Serena cresce ed esplora il mondo: ne esplora la fisicità, per creare la propria realtà interiore fatta di emozioni contrastanti e stanze labirintiche in cui perdersi. Ammiro come sia riuscita a ricreare e trasmettere sia le sensazioni gioiose sia quelle tormentate, date da eventi che non hanno bisogno di essere raccontati chiaramente.

Le poesie sono intervallate dalle opere pittoriche dell'autrice che compongono la serie "Cuoreinverso".

Ringrazio caldamente Serena Bilanceri per l'omaggio e per la stupenda dedica.

Il libro è acquistabile a questo link, ma se volete tentare la sorte potete partecipare al Giveaway, seguendo le regole sottostanti.


GIVEAWAY

Oltre a compilare il solito form, basterà:

- Essere lettori fissi del blog
- Commentare tutte le recensioni del Review Party (trovate l'elenco qui sotto)


- Diventare fan della pagina dell'autrice
- Seguire Serena Bilanceri su Twitter
- Condividere


a Rafflecopter giveaway

martedì 20 giugno 2017

Review Party: Recensione di "L'eredità dell'abate nero" di Marcello Simoni



« Se scavava nella memoria, prima della presenza del Medici c'erano soltanto lo sciabordio del mare e un brusio di parole esotiche, insieme alla sensazione di appartenere a un mondo lontano. Un mondo remoto, inafferrabile, che fomentava la sua irrequietezza e la sua incapacità di adattarsi a una vita ordinaria. »


Con questo Review Party vi presento "L'eredità dell'abate nero", primo libro della nuova trilogia thriller storica di Marcello Simoni.
Tra me e Simoni non è stato subito amore a prima vista, in quanto la trilogia dei libri maledetti non mi piacque per nulla. Devo dire, però, che con questa storia si è del tutto riscattato nei miei confronti: sappiate fin da subito che la lettura è davvero consigliata!

Tigrinus sa che la vita da ladro comporta una lunga serie di rischi e guai, specie nella Firenze del 1400. Ne è ancora più convinto quando, intrufolatosi nell'abbazia di Santa Trìnita, non solo si trova ad assistere all'omicidio di Giannotto Bruni, ma dello stesso viene pure accusato e incarcerato.
Chi chiede a gran voce che giustizia venga fatta sono di certo il figlio e la nipote di Bruni: Angelo e Bianca, accomunati dal sangue ma non per il carattere.
Il giovane uomo, dopo essere stato scarcerato da Cosimo de' Medici, intraprenderà il viaggio volto a provare la sua innocenza, partendo da un tesoro in una nave scomparsa e imbattendosi in misteri sempre più fitti di cui lui non risulterà solo spettatore, ma ingranaggio inconsapevole.

Fin dal prologo mi sono sentita a mio agio all'interno della storia, grazie alla scrittura dell'autore che ha saputo coinvolgermi e attirarmi nella sua Firenze, ricca di particolari e precisa nella fedeltà storica: prove della cura e della ricerca che ci sono state durante la stesura. Nonostante la minuzia nei particolari, le descrizioni non appesantiscono la narrazione, ma contribuiscono a rendere chiare in testa tutte le scene.

Ho adorato il personaggio di Angelo, avido di potere ma che al tempo stesso vive in un mondo tutto suo, dentro i libri che ama leggere e da cui svogliatamente è costretto a staccarsi per far fronte a responsabilità che non sente sue. 
Tutto il contrario è la cugina Bianca, una donna forte e combattiva, colei che desidera più di tutti la vendetta per la morte dello zio.
Nelle imperfezioni di Tigrinus ho ammirato la determinazione e la scaltrezza. 

La trama è complessa ma non confusionaria, si percepisce che lo scrittore abbia chiara in mente la destinazione della storia, ed è un elemento da non sottovalutare.

"L'eredità dell'abate nero" è appena uscito nelle librerie, ma io già attendo il secondo capitolo della Secretum Saga.



Review Party: Recensione di: "Perfect: Le imperfezioni del cuore" di Alison G. Bailey ( + GIVEAWAY )



« Mi rende felice. E non parlo di una felicità superficiale, come quando ricevi una promozione o compri un bel paio di scarpe. Parlo della felicità vera, di quando l’anima ti si riempie di gioia e contentezza, nonostante i problemi esterni. La gente sottovaluta questo sentimento. È una parola così semplice, ma profonda e potente. Quando manca dalla tua vita per tanto tempo, ti dimentichi che è un dono prezioso. »



Primo evento della giornata sul blog: un bel Review Party per festeggiare l'uscita di "Perfect: Le imperfezioni del cuore", trilogia New Adult di Alison G. Bailey.

Benché facciano parte della stessa ambientazione, i libri sono autoconclusivi: hanno storie distaccate tra loro, per quanto i personaggi siano ricorrenti.

Infatti, se avete letto "Perfect: La perfezione di un attimo" ricorderete Bradley Johnson e il suo ruolo nella storia di Amanda e Noah. Se lì è detestabile, in questo capitolo di cui è protagonista imparerete ad apprezzarlo.

Famoso donnaiolo e uomo dal passato difficile, Brad lavora nello studio legale del padre a stretto contatto con la collega Mabry, con cui ha una relazione esclusivamente fisica. Ma il tempo passa e le cose cambiano: Brad dichiara alla ragazza i suoi sentimenti e, dopo un apparentemente inspiegabile rifiuto, i due si fidanzano.

Ma come lo scandire dei capitoli tra passato e presente insegna, le esperienze e i ricordi dolorosi non ci abbandonano mai. Mentre Brad ha imparato a conviverci, Mabry non si sente all'altezza e cela la sua debolezza dietro un oscuro segreto.

Approcciarsi a questo libro non è stato semplice, dopo la pessima esperienza con la lettura di Perfect 1. Nei primi capitoli ho ritrovato gli stessi difetti che mi avevano fatto rizzare i capelli, dal dramma eccessivo al protagonista maschile ridotto a povera vittima delle insicurezze della protagonista femminile. Un'altra sagra della sofferenza e stronzaggine gratuite non sarei riuscita a sopportarla.

Però successivamente la storia migliora, sale di un gradino rispetto alla precedente, e scorre fino alla fine senza intoppi. In un certo senso, la relazione tra Brad e Mabry è più matura rispetto a quella di Noah e Amanda (non che ci volesse molto a fare qualcosa di migliore) e sicuramente più realistica. Avrei voluto più scene d'amore spensierato, ma non si può volere tutto. Non mancano le parti un po' piccanti e i momenti in cui la coppia saprà stuzzicarsi.

Fortunatamente, la tematica cardine della caratterizzazione di Mabry viene trattata in maniera seria al punto giusto, senza essere troppo cruda e rompere l'atmosfera di un romanzo che, alla fine, parla pur sempre di una storia d'amore indirizzata ad un pubblico giovane.
In altre circostanze avrei apprezzato anche una maggiore descrizione, ma in questo caso è stata più che appropriata.

Il finale, per quanto lieto, non mi ha particolarmente emozionato. Se volete una storia d'amore semplice ma non troppo leggera, questa lettura potrebbe fare al caso vostro.


GIVEAWAY

Ebbene sì, anche oggi avete la possibilità di vincere un libro! Seguite le regole e compilate il form per poter rientrare nell'estrazione. Avete tempo fino al 22 giugno, in bocca al lupo!

1. Diventate lettori fissi di tutti i blog partecipanti al Review Party, cliccando sul tasto apposito.

The Mad Otter
Anima in penna
Bookheart
Cronache di lettrici accanite
Il confine dei libri
Leggere per sognare
Love is in the books
L'isola di Skye
La biblioteca della Ele
La casa dei libri di Sara
Lo specchio dell'anima
Shutp I'm reading
Speaking about romance
Starlight book's

2. Commentate almeno quattro recensioni e condividetele taggando tre amici.


a Rafflecopter giveaway

venerdì 16 giugno 2017

Segnalazione: "Ed ero contentissimo" e "L'ultima notte al mondo" di Bianca Marconero


Se ancora non conoscete Bianca Marconero, credo che sia giunta l'occasione per poter recuperare: questa talentuosa e adorabile scrittrice pubblicherà due nuove opere, entrambe in uscita il 29 Giugno per Newton Compton Editori.

Titolo: Ed ero contentissimo
Autore: Bianca Marconero
Editore: Newton Compton Editori
Formato: E-book
Pagine: 110

“Tu chiedevi sempre se c'era una speciale, una che mi tenesse sveglio, qualcuna a cui pensassi e io rispondevo che non c'era.  Era una bugia, papà.
Io una ragazza speciale ce l'ho da cinque dei miei diciotto anni.
Lei, papà, è il motivo per cui crederò sempre ai colpi di fulmine, mi fiderò sempre delle canzoni, saprò che si può tutto per amore. E non dico per conquistarlo, ma per permettere a chi amiamo di stare bene. Si può tutto senza avere nulla in cambio, insomma, senza una possibilità al mondo di essere felici.
Ah, perché la mia ragazza mica lo sa che sono innamorato di lei.”

Cinque anni prima de “L’ultima notte al mondo”, tra i banchi di scuola, Marco si innamora di Marianna. E attraverso Negazione, Rabbia, Patteggiamento, Accettazione e Depressione Marco affronta le cinque fasi dell’Elaborazione dell’Amore.


Titolo: L'ultima notte al mondo
Autore: Bianca Marconero
Editore: Newton Compton Editori
Collana: Gli Insuperabili
Formato: E-book e Cartaceo
Pagine: 440

Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt'altro che semplice e davanti a sé un futuro dove potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…


Avvertenza
L'edizione cartacea de "L'ultima notte al mondo" contiene anche la novella esclusiva "Ed ero contentissimo".
Nell'edizione digitale "L'ultima notte al mondo" e la novella "Ed ero contentissimo" sono separati.


Non vedo l'ora di potermi immergere in questa lettura, sono certa che Bianca Marconero saprà sorprendermi ancora una volta!


Blog Tour: "Gay for Pay" di T.M. Smith - Seconda Tappa ( + GIVEAWAY )





Inauguro la collaborazione con la casa editrice Quixote Edizioni presentandovi, quest'oggi, la seconda tappa del blog tour dedicato a "Gay for Pay", primo libro della serie di genere M/M contemporaneo "An All Cocks Story" di T.M. Smith.

TAPPE

Prima Tappa: 9 giugno - Estratti

Seconda Tappa: 16 Giugno - Personaggi

Terza Tappa: 23 Giugno - Citazioni con Teaser

Quarta Tappa: 30 Giugno - Intervista

Quinta Tappa: 7 Luglio - Recensione


Personaggi: Christopher Allan Roberts

Oggi, con le colleghe Amarilli e Rosaria, parlo brevemente dei personaggi principali di questa storia. Ce li siamo spartiti, uno per blog, fateci sapere quale ritenete più interessante!

Christopher Allan Roberts è il protagonista di questo libro. Sembra avere una vita perfetta: studente modello e talentuoso giocatore, promessa stella della National Football League. Circondato dal sostegno della famiglia e l'amore incondizionato della fidanzata Amanda, Chris riesce ad ottenere una prestigiosa borsa di studio per l'Alabama, ma la sera dei festeggiamenti succederà l'inevitabile...


GIVEAWAY

Seguendo tutte le tappe del tour, avrete l'opportunità di vincere una copia cartacea del libro e un cofanetto regalo di Aquolina.

Compilate il form sottostante e fate queste semplici azioni:

- Diventare fan della pagina Quixote Edizioni
- Mettere mi piace alla pagina dell'Autrice 
- Condividere il post del blog sul proprio profilo Facebook.


a Rafflecopter giveaway


Il Giveaway sarà attivo dal 9 giugno al 7 luglio. Il vincitore verrà comunicato il giorno dopo dalla casa editrice. In bocca al lupo!



martedì 13 giugno 2017

Visione: "Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar" di Joachim Rønning e Espen Sandberg


« "Chi sono io per te?"
"Un tesoro." »

Il 24 Maggio scorso, i pirati sono finalmente tornati all'arrembaggio nei cinema italiani. Johnny Depp riveste ancora una volta i panni del mitico Capitano Jack Sparrow, che non smette mai di avventurarsi in situazioni più grandi di lui.

Questa volta sarà affiancato dal giovane Henry Turner, figlio di Will Turner, e Carina Smith, astronoma accusata di stregoneria. Per porre fine al crudele destino del padre, il ragazzo va alla ricerca di un antico e potente oggetto magico: il Tridente di Poseidone, in grado di spezzare qualsiasi maledizione.
Dall'Occhio del Diavolo fa capolino un vecchio nemico: Salazar, intenzionato ad ogni costo a raggiungere Sparrow per vendicarsi del torto subito.
All'uomo non resta quindi che aiutare i ragazzi in questa ricerca per poter continuare a solcare in libertà i mari.

Non mancano le già ben note conoscenze, come Capitan Barbossa e Mastro Gibbs, pronti ancora una volta ad assecondare le intenzioni di Jack; sorprendenti comparse sapranno colpire e commuovere.

Da fan che segue fin dal primo film questa saga, non posso nascondere l'emozione provata nel tornare ancora una volta al cinema per sentire a tutto volume la colonna sonora e vedere Jack Sparrow in azione. Dopo un quarto episodio leggermente sottotono rispetto agli altri, con La Vendetta di Salazar si riprende il filo conduttore della storia lasciata in sospeso ormai dieci anni fa.

Va detto che non è un film assolutamente impegnativo e che ricalca le atmosfere grottesche e surreali dei suoi predecessori.
Jack Sparrow, per quanto sia il personaggio di punta della storia, in realtà è una figura di contorno, che serve a sostenere chi è davvero protagonista. Qui finalmente torna a riprendere definitivamente quel ruolo, che gli calza a pennello così com'è, nonostante sia al centro della Vendetta.
Il personaggio di Barbossa sembra essere quello che ha avuto una maggiore evoluzione nel corso della serie, fino a giungere ad una redenzione che lo fa apparire finalmente a tutto tondo.
Salazar non è certo il nemico più interessante che sia comparso finora: Davy Jones, ad esempio, aveva un background molto più ricco e uno sviluppo decisamente più interessante e complesso. Salazar è stato creato solo ed esclusivamente per lo scopo ben visibile dal titolo, senza pensare ad ulteriori sbocchi che lo avrebbero reso un villain migliore.
Ho amato tantissimo la strega Haifaa Meni, nonostante faccia solo una comparsa e per cui spero possa tornare nel prossimo film.

Molto emozionante la scena finale, che si è fatta attendere e sperare in tutti questi anni.

In generale sono soddisfatta perché mi sono divertita. Ho trovato la pellicola godibile, diversamente da chi l'ha massacrata definendola un film disgustoso (non parlo di chi di cinema se ne intende, ma chi deve sempre e per forza criticare senza un parere costruttivo).
Spero di non dover aspettare un altro decennio, ma di certo non smetterò di aspettare.




Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...